EPISODES 1

DESIGN OF TODAY

+ VIEWING ROOM DI GAO YANG

mostra curata da Projec_TO

TORINO – PALAZZO MARTINI DI CIGALA – via della Consolata 3

Inaugurazione in occasione di Artissima mercoledì 3 novembre ore 15/21

durata della mostra 3 – 27 novembre 2021
preview per la stampa 2 novembre ore 10/13

Nasce a Torino una nuova realtà.

Projec_TO è un’associazione culturale che si propone di rappresentare l’avanguardia artistica a 360° mettendo in dialogo design, arte, musica ed intrattenimento con una prima mostra ospitata nei meravigliosi spazi di Palazzo Martini di Cigala dello Juvarra, dove il barocco italiano vede tra le sue maggiori espressioni stilistiche, in via della Consolata 3 a Torino.

I fondatori di Projec_TO, Simone Becchio, Elisabetta Chiono e Paolo Bonacina hanno selezionato per questi primo “episodio” dal 3 al 27 novembre in occasione di Artissima lo Studio Nucleo, The Back Studio e Ilia Potemine, designer noti nel panorama internazionale, i cui lavori entrano in dialogo con le incredibili sale di Palazzo Martini di Cigala.

Una viewing room ospiterà parallelamente i lavori di Gao Yang, interessante e controverso artista cinese, che nel corso della travagliata vicenda di vita, ha soggiornato a Torino negli anni 2000 e nel 1999 ha partecipato alla Biennale di Venezia. La sua pittura, fortemente attuale, accompagna il visitatore in un viaggio introspettivo e connotato dalla sensibilità dell’artista.

“Siamo fortemente spinti dall’entusiasmo di pensare a Projec_TO come una possibilità di mostrare al pubblico torinese e non solo un universo dinamico e creativo generando una nuova poetica degli spazi in cui interagiremo, attraverso una proposta di grande qualità e ricerca” (fondatori di Projec_TO).

In occasione della inaugurazione sarà ospitato il noto gruppo Recall in accompagnamento musicale della mostra.

 

Si ringrazia SGS immobiliare per la concessione degli spazi e per aver reso possibile questo primo evento di Projec-TO.

 

@THE BACK STUDIO

@ crediti fotografici luisa porta

The Back Studio, una collaborazione dinamica tra Eugenio Rossi e Yaazd Contractor, è stata fondata alla fine del 2019. Attingendo dalle loro esperienze rispettivamente a Torino, in Italia e a Mumbai, in India, nonché da quelle condivise presso la School of the Art Institute di Chicago, il portfolio del duo è volutamente eclettico.

I pezzi di costruzione industriale interagiscono con le creazioni al neon soffiate a mano, dando vita a un repertorio di assemblaggi che sono allo stesso tempo scultorei e funzionali. Fortemente influenzati dall’ubiquità dell’architettura – una disciplina che invariabilmente plasma e informa le interazioni della nostra vita quotidiana – credono nello sfruttare la materialità altamente tattile delle forme architettoniche nei loro progetti. Oltre a rivelare gli elementi poco appariscenti e spesso completamente invisibili dei processi architettonici in un contesto nuovo, le creazioni di The Back Studio sono un commento alla dualità; dove l’abilità quasi obsoleta della lavorazione del vetro a catodo freddo e l’ambiente in rapida evoluzione della fabbricazione di massa digitalizzata sono abilmente giustapposte.

 

@NUCLEO

@ crediti fotografici luisa porta

Collettivo artistico diretto da Piergiorgio Robino.
Il lavoro indaga le cornici temporali, la loro matrice e le loro esistenze.
Attraverso sensazioni visive e tattili, fanno confronti tra passato e futuro
per creare un’influenza della percezione di sé e dell’ambiente circostante.
Giocano con la presunzione di intrecciare le cornici temporali ed esplorano
lo spazio che creano, concentrandosi su forme tridimensionali.
L’esperienza fisica e tattile è una parte essenziale dell’espressione.
Sono sempre stati interessati a lavorare con la storia, la mancanza e la sua creazione,
aspetti necessari per costruire una memoria.

 

@ ILIA POTEMINE

Ilia Potemine designer, inventore Torinese di origini Russe. Nel 2010 fonda lo studio Be+Have che sperimenta sui contrasti formali e materiali attraverso una approccio artigianale. Nel tempo il concetto iniziale tende a mutare verso la ricerca e lo sviluppo nel mondo della tecnologia. La sperimentazione continua ma soprattutto a livello funzionale. Nel 2020 fonda la startup tecnologica Potemine che si occupa di prodotti che contengono un alto valore tecnologico e un design ricercato. I suoi lavori sono stati esposti in gallerie come Dilmos Milano, Bensimon Parigi e Mint Londra.

 

VIEWING ROOM @ GAO YANG

Gao Yang (1965), originario della Mongolia Interna, dopo aver frequentato in Cina l’Accademia di Belle Arti, si avvicina all’esperienza artistica del Villaggio Orientale di Pechino dove inizia a sperimentare nuovi linguaggi stilistici.

Nel 1995 realizza la performance: “Come aggiungere un metro ad una montagna anonima”, le cui immagini verranno poi esposte alla Biennale di Venezia nel 1999 e diventeranno di fama mondiale. Vive a Torino tra il 1998 ed il 2002, anno in cui decide di ritornare in Cina. Nel periodo italiano approfondisce la sua formazione, entrando in contatto con i movimenti artistici italiani contemporanei.